Condividi su Facebook Condividi su Twitter Aggiungi a Digg Aggiungi a Google Bookmarks Condividi su MySpace Aggiungi a Technorati

G8. L'Aquila, capitale del mondo

foto: G8Sarà un G8 ricco di temi, di argomenti. Un G8 che spazierà dall'economia allo sviluppo, dalle questioni più attuali di politica internazionale (Iran, Corea del Nord, Medio Oriente) a quelle più strutturali che riguardano la non proliferazione (o, addirittura, il disarmo) e il contrasto al terrorismo, fino alle emergenze umanitarie e ambientali, dalla crisi alimentare alla lotta contro i cambiamenti climatici, dalla nuova filosofia degli aiuti allo sviluppo fino a un sostanziale progresso sul clima per arrivare a un'intesa fra le grandi economie (emerse e/o emergenti) nella conferenza ad hoc di fine anno a Copenaghen.

Nessun aspetto rilevante di politica economica e internazionale sarà trascurato, sottovalutato, lasciato senza risposte.

Per discutere di tutti questi temi vi saranno – all'Aquila – tutti gli attori, tutti i protagonisti, in formati diversi che gradualmente dialogheranno tra loro e produrranno "dichiarazioni" conclusive. In qualche caso, si tratterà di passaggi decisivi sulla strada di un accordo che dovrà concretizzarsi altrove (il G20 di Pittsburgh per i temi economici, la conferenza di Copenaghen per il clima), ma in altri casi si tratterà di risultati concreti subito operativi. Potrebbe essere il caso del rilancio dei negoziati sul commercio mondiale, che avranno effetti anche sullo sviluppo dei Paesi più poveri, o sulla sicurezza alimentare con l'annuncio di una cifra consistente messa a disposizione dal G8 e, soprattutto, un vero e proprio ribaltamento della politica di aiuti allo sviluppo con la persona finalmente al centro della solidarietà che verrà non solo dai governi, ma dai privati.

foto: Obama, BerlusconiI giotto affronteranno il tema della propria stessa legittimità a rappresentare il Pianeta, e la presidenza italiana consapevole del problema ha proposto e ottenuto un'associazione più stabile anche di quei Paesi (Cina, India, Brasile, Messico e Sudafrica) senza i quali sarebbe incomprensibile, e di fatto impossibile, immaginare un'intesa efficace soprattutto sui temi economici. Il G8, quindi, all'Aquila si apre, dialoga, diventa qualcos'altro. Si confronta e prende decisioni, che condivide poi con i G5, e poi con i Paesi del Mef (Major Economies Forum) e poi con i Paesi africani, e infine con le organizzazioni internazionali. In tutto, 40 soggetti internazionali e 29 leader-Paese.

Al di là della struttura della governance mondiale, che di per sé è un tema sufficiente per qualificare l'importanza di questo G8, si parlerà di regole dei mercati finanziari internazionali (è l'argomento affrontato a Londra e che giungerà a una prima conclusione a Pittsburgh, ma sulla strada da Londra a Pittsburgh la tappa dell'Aquila potrà rivelarsi decisiva).

  • Si parlerà di uscita dalla crisi. I Grandi della Terra (e i meno grandi a confronto) riconosceranno che si è entrati nella fase di uscita da una crisi che in questo momento, più di prima, è gravata dal peso della sfiducia.
  • Si riconoscerà la fiducia come uno strumento essenziale per riprendere il cammino e ritrovare la direzione della crescita.
  • Si parlerà di sviluppo, ossia delle conseguenze che la crisi ha avuto sui Paesi più poveri, e dell'attualità degli Obiettivi del Millennio (in particolare la salute globale e il dimezzamento della fame entro il 2015) come strategici per la stabilità del Pianeta, oltre che per la vita di tanti esseri umani, specie in Africa, e per il futuro del mercato mondiale.
  • Si parlerà di accesso all'acqua, di energia, e – appunto – di Africa. E si parlerà, infine, delle emergenze politiche e dei conflitti regionali.
  •  Si confronteranno Stati Uniti, Russia e Cina, ma poi tutto il G8, e "gli altri", sulle prospettive di pace (o guerra) in Medio Oriente, sul rapporto della comunità mondiale con Paesi come la Corea del Nord e L'Iran, sulle speranze rilanciate da russi e americani circa il disarmo. Senza limitarsi alla "non proliferazione", ma proprio in vista di un disarmo globale, di "un mondo senza armi nucleari", come quello delineato da Obama a Praga.

Silvio Berlusconi sarà il leader che condurrà i dibattiti, tutti, che ospiterà il G8 e si spenderà per raggiungere il massimo risultato (concreto) possibile su tutti i singoli argomenti. In più, condurrà una serie di bilaterali con i leader dei Paesi più importanti e potrà focalizzare nuovamente l'attenzione e la solidarietà del mondo sul futuro dell'Abruzzo, colpito dal terremoto e ansioso di rinascere.

[6 luglio 2009]

 
 
 

Approfondimenti

Frattini ed il ruolo dell'Italia in Europa e nel Mondo In Libia siamo stati fin dall'inizio a fianco del nuovo governo provvisorio. L'Italia Ŕ il primo Paese che gli ha dato il riconoscimento diplomatico. Prima della rivoluzione l'Eni copriva un terzo del   » Continua
Frattini ed il ruolo dell'Italia in Europa e nel Mondo In Libia siamo stati fin dall'inizio a fianco del nuovo governo provvisorio. L'Italia Ŕ il primo Paese che gli ha dato il riconoscimento diplomatico. Prima della rivoluzione l'Eni copriva un terzo del   » Continua
Italia protagonista in Europa e nel Mondo Ritrovato il ruolo che ci spetta   » Continua