Condividi su Facebook Condividi su Twitter Aggiungi a Digg Aggiungi a Google Bookmarks Condividi su MySpace Aggiungi a Technorati

Italia nel mondo. Principali risultati di politica estera

ITALIA NEL MONDO
Principali risultati di politica estera
(8 maggio 2008 / 15 luglio 2009)

Fronteggiate 4 crisi internazionali:

alimentare, economica e finanziaria, Georgia, e Gaza; organizzato e gestito con risultati eccellenti il G8 dell’Aquila; effettuati 156 incontri
internazionali (96 in Italia e 60 all’estero); partecipato a 22 Vertici Multilaterali (FAO, G8, G20, Unione per il Mediterraneo, Europa-Asia, sulla crisi finanziaria, Conferenze su Medio Oriente); organizzati 9 Vertici bilaterali con Brasile, Egitto, Francia, Germania, Polonia, Romania,
Russia e Turchia; Presidente del Consiglio in media all’estero 3 volte al mese;

Vertice G8:

grande successo organizzativo (complimenti di tutti i partecipanti); importanti decisioni adottate sul clima (apertura di Cina e India),
sicurezza alimentare (20 miliardi di dollari); commercio internazionale (rilancio Doha Round); innovazione del formato G14 con l’Egitto;
Crisi Alimentare: Vertice FAO a Roma ha adottato misure per aiutare le economie più povere con l’aumento dei prezzi agricoli.

Georgia:

rapporti privilegiati con leadership russa, hanno evitato ritorno a Guerra Fredda e fermato truppe russe a pochi chilometri da Tblisi;

Crisi finanziaria: evitato il panico ed il crollo del sistema finanziario, garantiti i depositi bancari; mobilitazione permanente internazionale dei leaders con Vertici G4; Vertici straordinari UE, Vertici dell’Eurogruppo, G20 e G8 per infondere fiducia;

Gaza:

forte azione per fermare il conflitto a Gaza con contatti con Olmert, Abbas e colleghi europei; lettera a 4 di Italia, Francia, Gran Bretagna
e Germania per garantire cessate il fuoco a Gaza il 17 gennaio; Italia maggiore contributore europeo (100 milioni di dollari) alla Conferenza
di Sharm El Sheik per la ricostruzione di Gaza (2 marzo); Piano Marshall per la Palestina;

Libia:

chiuso il contenzioso che si trascinava da 40 anni con un Trattato storico; rilancio del rapporto con eccellenti opportunità per le imprese
italiane in Libia; investimenti libici in Italia e migliore contrasto all’immigrazione clandestina; storica visita di Gheddafi in Italia;

NATO:

Intervento su Erdogan per sblocco candidatura di Rasmussen a Segretario Generale; rilancio dello spirito di Pratica di Mare e prima riunione Ministeriale NATO-Russia a Corfù 27 giugno;

Unione Europea:

tutelate le imprese italiane con un pacchetto energia/ambiente del dicembre 2008 meno oneroso; 400 milioni di euro per progetti
infrastrutturali all’Italia nel marzo 2009 (Galsi, ITGI); questione immigrazione posta al Consiglio Europeo di Giugno 2009; 500 milioni di euro del Fondo di Solidarietà Europea per le calamità a favore dell’Abruzzo; rilanciata Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare a Parma.

Terremoto:

G8 spostato a l’Aquila, 500 milioni di euro di contributi europei per la ricostruzione; impegno dei grandi leaders (Obama, Medvedev,
Merkel, Harper) per la ricostruzione di chiese, monumenti e edifici storici;

Diplomazia commerciale:

intese con diversi paesi con commesse per svariate decine di miliardi di dollari con Stati Uniti (Fiat Chrysler),
Russia (Vertice bilaterale), la Cina (recente vista del Presidente Hu Jintao), Francia (nucleare), Egitto (Vertice bilaterale),
Libia (Trattato e rinnovo concessioni ENI) Panama (ampliamento del Canale vinto dall’Impregilo), India, Turchia, Emirati Arabi etc.;

Missioni di pace:

contributo a missioni ONU e NATO (Afghanistan, Kossovo, Libano), oltre 8.000 uomini che con le rotazioni mobilitano 40.000 uomini;
aumento presenza in Afghanistan per le elezioni (sopra la soglia dei 3000 uomini e 200 carabinieri per l’addestramento).

[31 luglio 2009]


 

 
 
 

Approfondimenti

Missioni di Pace Coraggio, preparazione, umanitÓ   » Continua
Missioni di Pace Coraggio, preparazione, umanitÓ   » Continua
La nostra presenza in Afghanistan Missioni di Pace: la posizione del governo Ŕ chiara e lineare sin dal principio   » Continua