Condividi su Facebook Condividi su Twitter Aggiungi a Digg Aggiungi a Google Bookmarks Condividi su MySpace Aggiungi a Technorati

Ritorno al nucleare: energia pulita a costi pi¨ bassi

foto: aziendaIl ritorno al nucleare era uno degli impegnidella campagna elettorale ed è un passo importante per garantire al nostro Paese tutta l’energia di cui ha bisogno. Per raggiungere questo scopo il governo ha predisposto un piano che punta a un mix composto da: 50% gas, petrolio, carbone pulito; 25% nucleare; 25% fonti rinnovabili. L’energia nucleare è attualmente uno dei modi più puliti, economici e sicuri per disporre di elettricità su larga scala. Il 24 febbraio 2009 il presidente Berlusconi ha siglato con il presidente Sarkozy un accordo di collaborazione sul nucleare tra Italia e Francia, che prevede la costruzione in Italia di quattro centrali di terza generazione entro il 2020. Il braccio operativo dell’accordo è costituito dall’intesa tra Enel ed Edf, che già collaborano alla costruzione della centrale di Flamanville, in Francia.

L’AGENZIA PER LA SICUREZZA NUCLEARE

Il 9 luglio 2009 il Senato ha approvato il disegno di legge di sviluppo, che sancisce il ritorno al nucleare istituendo l’Agenzia per la Sicurezza Nucleare. L’Agenzia sarà l’autorità nazionale per la regolamentazione tecnica, il controllo e l'autorizzazione ai fini della sicurezza delle attività concernenti gli impieghi dell’energia nucleare, la gestione e la sistemazione dei rifiuti radioattivi, la protezione dalle radiazioni, nonché la vigilanza sugli impianti. Entro sei mesi il governo definirà i criteri per la localizzazione delle centrali e i requisiti per le necessarie  autorizzazioni. Quindi saranno le imprese energetiche ad individuare i siti dove costruire le centrali, dichiarandoli “di interesse strategico nazionale” e quindi soggetti anche a controllo militare. Ogni centrale dalla preparazione dell’area fino al collegamento alla rete verrà realizzata in 4 anni, con un costo di 4-5 miliardi. Le nuove centrali produrranno almeno il 25% di energia elettrica in più.

foto: ronchiQUATTRO BUONI MOTIVI PER TORNARE AL NUCLEARE:

  1. Diminuire le importazioni di petrolio, gas e carbone.
  2. Il nucleare è energia pulita, non inquina perché non produce anidride carbonica.
  3. Il nucleare di terza generazione è un sistema sicuro.
  4. Gli italiani pagheranno meno la bolletta dell’elettricità.iliardi. Quando le nuove centrali nucleari entreranno in funzione, la produzione di energia elettrica dovrebbe crescere di almeno il 25%.
“Dopo 22 anni, il responso referendario si può considerare ormai storicizzato, e il Parlamento è perfettamente legittimato a riprendere in mano la questione, per via del mutato contesto economico e tecnologico. Il referendum ha la forza di una legge ordinaria e, come tale, può essere superata da un successivo intervento delle Camere.”

Prof. Enzo Cheli, ordinario di diritto costituzionale, l’Unità, 25 febbraio 2009

[30 luglio 2010]
 

 
 
 

Approfondimenti

Amore e rispetto per l'ambiente Un bene di tutti. Da tutelare e proteggere.   » Continua
Amore e rispetto per l'ambiente Un bene di tutti. Da tutelare e proteggere.   » Continua
Seconda giornata nazionale della bicicletta Il prossimo 8 maggio in tutto il Paese si celebrerÓ la Seconda Giornata Nazionale della Bicicletta, con il coinvolgimento di cittadini e associazioni.   » Continua