Condividi su Facebook Condividi su Twitter Aggiungi a Digg Aggiungi a Google Bookmarks Condividi su MySpace Aggiungi a Technorati

Pd. Sull'occupazione tanta demagogia

Bersani non ha perso l'occasione del Primo Maggio per lanciare l'ennesimo attacco demagogico al Governo sul fronte del lavoro. In dichiarazioni e interviste, il leit-motiv del segretario Pd è stato in sintesi questo: "Berlusconi fa solo chiacchiere, dica che per i lavoratori non ha fatto niente".

foto: manifesto BersaniE allora è opportuno ricordare (e ricordargli) quello che il Governo ha fatto in questi due anni per fronteggiare la gravissima crisi finanziaria che ha messo in ginocchio le economie di tutto il mondo occidentale. La rete di ammortizzatori sociali stesa sul Paese, tanto per fare un esempio, ha impedito che la perdita di posti di lavoro si trasformasse in una pericolosa rivolta sociale.

Per superare la crisi economica col minor danno possibile sul fronte della disoccupazione, il Governo ha agito in tre direzioni:

  1. dare tutela ai lavoratori che ne erano privi;
  2. predisporre nuove opportunità formative e imprenditoriali utili a trovare prima;
  3. possibile un nuovo posto di lavoro o ad aprire una attività in proprio;
  4. sostenere le imprese dei settori più esposti alla crisi, così da limitare la perdita dei posti di lavoro;

Il Governo italiano è quello che in Europa ha stanziato nel 2009 più fondi a favore delle famiglie, dei lavoratori, delle imprese e dell'economia reale: 17,8 per le grandi opere, 7 a tutela dei più deboli, 2 per le imprese dei settori più colpiti, 9 fondo strategico per le imprese, 20 per gli ammortizzatori sociali, per un totale di 55,8 miliardi di euro.

Il Governo ha messo in campo nuove misure per favorire il reimpiego dei lavoratori in cassa integrazione.

  • L'azienda può rimettere al lavoro i propri dipendenti in cassa integrazione purché essi seguano corsi di formazione e aggiornamento. Lo stipendio è pagato per l'80% dalla cassa e all'azienda spetta solo il rimanente 20%.
  • I lavoratori in cassa integrazione o in mobilità che intendono avviare una piccola impresa o una cooperativa, possono chiedere l'erogazione anticipata in una sola volta dell'intero ammontare del sussidio che gli spetta e usare questo denaro per dare il via alla nuova attività.
  • La retribuzione dei lavoratori coinvolti nei contratti di solidarietà è salita dal 60 all'80% della somma prevista originariamente. Si incentiva così uno strumento che evita il ricorso alla cassa integrazione e mantiene il posto di lavoro, al contrario di quanto predicava il Pd, che puntava tutto sull'assegno di disoccupazione che avrebbe aumentato i licenziamenti in modo esponenziale. Con questo tipo di contratto il dipendente riduce l'orario di lavoro e il compenso ma resta a tutti gli effetti al lavoro.
  • Per favorire il rientro nel mondo del lavoro, chi assume un lavoratore con indennità disoccupazione ha diritto a un incentivo di pari entità.
  • Per proteggere anche i lavoratori non coperti dalla cassa integrazione il governo ha stanziato 9 miliardi di euro. Questo "paracadute" protegge i dipendenti delle piccole imprese e degli studi professionali, apprendisti, lavoratori interinali, collaboratori a progetto.
  • Per la prima volta sono stati tutelati i lavoratori a progetto. Dal 27 maggio 2009 è infatti operativa la nuova indennità di reinserimento per i collaboratori a progetto con un solo committente che abbiano perso il posto di lavoro. Questi lavoratori possono percepire il 30% di quanto percepito l'anno precedente, con un tetto massimo di 4.000 euro. Con una drastica semplificazione delle procedure, il Governo ha poi accorciato a soli 20-30 giorni il tempo per accedere agli ammortizzatori sociali.
  • E' stato deciso un risparmio fiscale del 10% per le imprese che assumono lavoratori con più di cinquanta anni d'età.

Il governo Berlusconi ha anche recuperato alcune norme della Legge Biagi, cancellate da Prodi. Lo scopo è quello di incoraggiare le imprese ad assumere e di promuovere la regolarizzazione dei rapporti di lavoro, per dare garanzie ai lavoratori e far emergere il sommerso.

  • Per dare più occasioni ai giovani di entrare nel mondo e stato reintrodotto il lavoro a chiamata.
  • È ora possibile adempiere l'obbligo di assunzione della quota di lavoratori diversamente abili anche attraverso l'appalto a cooperative sociali.
  • I buoni prepagati per lavori occasionali sono stati estesi anche a lavori (giardinaggio, baby sitting, ripetizioni, lavori stagionali, manutenzione strade, edifici, parchi, monumenti, distribuzione giornali o porta a porta, ecc.) prestati a famiglie, imprese familiari, imprese agricole, imprese del turismo. In un anno sono stati erogati 3.100.000 di voucher da 10 euro ciascuno. Ciò dimostra che il buono prepagato è un ottimo strumento per riportare alla regolarità lavori che nella società dei servizi sono una quota importante del mercato del lavoro.

Ma il Governo non si è limitato a fronteggiare l'emergenza: i ministeri del Lavoro e dell'Istruzione hanno infatti presentato un Piano di azione per l'occupabilità dei giovani attraverso l'integrazione tra apprendimento e lavoro. E' convinzione del Governo che il futuro occupazionale dei giovani italiani dipenda primaria mente da un più efficiente raccordo e dall'integrazione tra i percorsi di istruzione e formazione rinnovati e il mercato del lavoro.

Il primo punto da correggere è che rispetto ai coetanei di altri Paesi i nostri giovani incontrano il lavoro in età troppo avanzata e, per di più, con conoscenze poco spendibili anche per l'assenza di un vero contatto con il mondo del lavoro a causa del pregiudizio secondo cui chi studia non può lavorare.

Sono ancora quasi del tutto assenti, nonostante gli sforzi compiuti in questi anni, moderni servizi di collocamento e orientamento che possano agevolare una più celere transizione verso il mercato del lavoro consentendo alle istituzioni scolastiche e alle università la continua riprogettazione e l'adattamento dell'offerta formativa. È questa la principale ragione di un frequente intrappolamento ai margini del mercato del lavoro, con occupazioni e professionalità di bassa qualità, non di rado senza alcuna coerenza tra carriera scolastica e carriera lavorativa.

Per questo sono state varate profonde riforme della scuola e dell'università che favoriscono un nuovo e più integrato rapporto tra sistema formativo e mondo del lavoro.

[3 maggio 2010]

 

 
 
 

Approfondimenti

L'eredità del governo Berlusconi Il governo Monti nel chiedere la fiducia,ha citato una lunga serie di provvedimenti firmati dal centrodestra di Silvio Berlusconi, ai quali intende dare piena attuazione e che costituiranno la cornice   » Continua
L'eredità del governo Berlusconi Il governo Monti nel chiedere la fiducia,ha citato una lunga serie di provvedimenti firmati dal centrodestra di Silvio Berlusconi, ai quali intende dare piena attuazione e che costituiranno la cornice   » Continua
Dallo Sviluppo Economico incentivi e premi per le Pmi Le due iniziative, Brevetti+ e Disegni+, per le quali sarÓ possibile presentare domanda a partire dal prossimo 2 novembre, dispongono di un finanziamento complessivo di oltre 45 milioni di euro.   » Continua